La passeggiata domenicale al parco

Abbandoniamo per un pò polemiche politico/religiose e inviti al sostegno della ricerca per tornare alle sane e care foto della crescita di Daniele. Ormai il cuccioletto di papà fà i discorsi. Anche se bisognerebbe usare un interprete per capire quello che dice. Le uniche parole che si capiscono veramente sono in fondo 5 o 6. La parola più gettonata è ovviamente MAMMA (anche se la dice come Jack Nicholson in Shining quando chiama la moglie chiusa nel bagno: ‘WENDY’. Stesso tono autoritario e leggermente schizofrenico). Poi nell’ordine BAU e MIAO rispettivamente per cane e gatto, CIAO quando incontra qualcuno per strada o quando non vuole fare qualche cosa che gli viene ordinato, in questo caso aggiunge un NO secco e scuote la testolina violentemente tanto che temo prima o poi gli venga il torcicollo. Da poco ha imparato a chiedere una cosa fondamentale per la sua sopravvivenza, CIUCCIO. La parola papà invece ancora non esce, fino a pochi giorni fa chiamava mamma anche me, mentre ora per chiamarmi dice: ‘ A – A’ ‘ omettendo del tutto la P ma sempre con lo stesso tono autoritario e schizzoide. Insomma è un pupazzetto, il pupazzetto di papà.

Comunque eccovi tre foto della passeggiata odierna al parco giochi.

 

Per far scendere Daniele dall’altalena a volte occorre l’intervento dei pompieri.

 

Eccolo con la mamma sullo scivolo

 

Ed in primo piano con la Basilica di San Giovanni sullo sfondo

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.